IL RESTAURO PARTE 1

La storia di ANNE MARIE:

Più di un anno fa vinsi ad un asta una bimba bellissima: una straw UL. Il problema erano le sue condizioni..sporchissima e con i capelli raccolti in una coda rastosa da far paura. Lo sporco non era solo dovuto alla polvere ma anche ad una sorta di grasso che si era depositato su di lei durante i 20 anni trascorsi per lo più in un umido garage.

Quindi per rimetterla a nuovo c’erano tra passaggi che dovevo affrontare:

o   lavarla

o   toglierle il pilling

o   pettinarla cercando di ritrovare la sua scriminatura originale

il BAGNETTO ed il PILLING:

la immersi in una tinozza di acqua tiepida avendo la cura di lasciare fuori i capelli in modo da potermi dedicare liberamente al corpo. Nell’acqua misi una piccola dose di detersivo ammorbidente marsiglia (il più neutro possibile)prima proprio a mano levai il grosso della sporco dal viso e dal corpo, poi con un vecchio spazzolino da denti inziai a “pettinare” il suo vellutino. È importante sempre ricordarsi soprattutto quando si lavora sul viso che lo spazzolino va passato da sinistra a destra e del basso verso l’alto..andando così un poco in diagonale..in questo modo con un movimento energico ma comunque sempre delicato si toglie ben bene anche il pilling. Sullo sporco più ostinato applicai un prodotto a base di ossigeno con una posa di 30 secondi … spazzolando e poi sciacquando tutte le macchie vennero via, la bimba tornò come nuova ed il suo makeup venne fuori in tutto il suo splendore.

i CAPELLI:

dopo aver passato tre buoni quarti d’ora sul corpo e viso era l’ora dei capelli ;o)) quindi con una piccola doccetta iniziai a bagnarli e a districarli pianissimo con le dita..bhe erano talmente ingarbugliati che non ne venne fuori nulla..in questa fase, poi, il pettine è uno strumento troppo aggressivo per essere usato in questo momento. Quindi l’unica soluzione è stata mettere un bel balsamo per capelli secchi e lasciarlo in posa per 36 ore: bisogna sempre ricordarsi di inumidire periodicamente i capelli in questa fase in modo che il balsamo non si secchi troppo, magari sciacquare e rifare l’applicazione per la notte.

Il pomeriggio successivo mi misi al lavoro..misi del balsamo anche sul pettine e, prima con le dita a poi con quest’ultimo iniziai a pettinare avendo l’accortezza di mantenere la frangia separata dal resto così da non doverla poi “cercare” nella fare di ripettinatura ;o) insomma piano piano dai rasta i capelli divennero lisci e morbidi … pronti per essere sciacquati e asciugati ;o)

Strizzata per bene la piccola Annie la misi avvolta in due asciugamani bianchi vicino ad un calorifero avendo cura che non fosse proprio appiccicata.

Appena asciutta (dopo quasi due giorni) passai a farle la pettinatura cercando di riportarla all’originale: pettinai la frangia avanti che per fortuna non si era persa tra i capelli più lunghi e fu facilmente separata … poi servendomi di un pettina e della mia vista aquilina trovai la scriminatura dei capelli..poi piano piano, ciocca dopo ciocca, aiutata dallo stuzzicadenti iniziai ad incrociare le ciocche seguendo la scriminatura..ciocca destra a sinistra, ciocca sinistra a destra … xxxx questo è uno dei lavori più lunghi e stressanti da fare su una my love … ma alla fine il risultato paga sul serio!!!

 

21ef[1].jpg432d[1].jpg

 

3f4a[1].jpg

 

 

 

 

 

 

 

ECCOLA ORA!!!!

3141107744_05fd654017_b.jpgCIMG1931.JPG

IL RESTAURO PARTE 1ultima modifica: 2009-03-12T00:01:00+01:00da vera1685
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento