il RSTAURO… parte 2

IL MAKEUP

Mi è capitato diverse volte, soprattutto in passato, di aver comprato bimboline con un makeup molto sbiadito, palliduccio, a causa del quale la bambola non aveva quello charm dato dall’espressione patatosa … più che altro sembrava come “calva”. Questo succedeva comprando soprattutto bimbe dell’86 le quali di fabbrica avevano una tonalità più tenue  di trucco: questo può renderle delicate e coccoline, ma dopo 20 anni il pericolo è che spesso questo trucco sia totalmente sbiadito lasciando appunto il posto ad una faccia inespressiva.

Ecco allora che si rende necessario un bel ritocco al makeup. Per fare ciò uso (e on solo io ;o) delle matita acquarellabili che hanno la fortuna di essere disponibili in molte tonalità e di poter facilmente essere lavate via in caso di errore.

La cosa importante è essere molto leggeri e precisi, per evitare la classiche labbrone siliconate e il mascara superspesso, cercare sempre di seguire la direzione del vellutino senza mai entrarne in contrasto e soprattutto andare anche a sfumare in modo da togliere l’eccesso di colore. Se è piuttosto semplice trovare i contorni labbra per l’ombretto si deve molto giocare sulla sfumatura, cercando di rimanere come spessore sui 0,5 cm , senza esagerare. Le ciglia sono l’ultimo passaggio del trucco  e solitamente si fanno nere per il trucco scuro e marrone per quello chiaro, proprio come le originali.

RUGHETTE, LIFTING … E COLLI MOLLI

Capita spesso di avere una bimba un po’ rugosa sulla faccia o sotto il mento..questo “difetto” è dovuto alle bolle d’aria che durante questi 20 anni hanno reso meno adesivo il vellutino all’anima in plastica. È un difetto molto comune anche nelle bambole nuove di box in quanto non sono mai state lavate o toccate”. Prima di tutto la cosa che ho imparato è stata quella di distinguere rughetta da rughetta.

Non tutte le piccole bolle d’aria sono malefiche, infatti quelle piccole rughettine sotto il naso o di fianco alla bocca sono simpatiche ed innocue..e molto spesso segnalano il fatto che la bimba ha una pelle nuova nuova e mai toccata.

Poi ci sono invece rughe molto più importanti che segnano tutto il viso, o rendono il collo pendente, per cui si rende necessario un lifting.

Esistono due modi per procedere: nei casi meno gravi, cioè quando le rughette e le bolle d’aria non sono troppo scollate o sono piccole, il sistema è di inumidire la zona, stendere la pelle ai lati del viso e poi applicare una graza anch’essa inumidita e fermarla bene. Dopo un giorno al massimo, sbendata la bambola la rughetta non ci sarà più ;o)

Se invece la cosa è molto più estesa si deve procedere ad una vera e propria operazione per cui si deve stendere ben bene la pelle spingendo le rughe o sulla fronte vicino l’attaccatura dei capelli, oppure in basso sotto il mento … a quel punto con ago e filo e punti piuttosto stretti si passa a ridurre chirurgicamente la ruga, cucendo praticamente la pelle in eccesso. Questo metodo risulta visibile ma fatto sul collo o nascosto sotto la frangia non rovina la bambolina.

Un altro caso è quello del collo molle..può infatti capitare che la bambola abbia la testa che non tiene più, ruoti o sia particolarmente caduca: questo succede soprattutto per le bimbe con i capelli più lunghi. Un sistema perchè il collo sia di nuovo saldo è quello di aumentare lo spessore alla base dello stesso …  per farlo si può procedere o mettendo un elastico proprio all’attaccatura del collo aumentando così lo spessore oppure chirurgicamente si può introdurre un po’ di cotone sempre alla base tagliando e cucendo.

Ognuno di questi metodi ha il suo pro ed il suo contro, l’unica cosa da fare e decidere di bimba in bimbola.

il RSTAURO… parte 2ultima modifica: 2009-03-12T15:28:57+01:00da vera1685
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento